map Atlante Ornitologico Urbano di Verona 2021-2023

Atlanti ornitologici urbani

Gli atlanti urbani degli uccelli sono comunemente ritenuti importanti perché forniscono informazioni ecologiche del territorio di una città, una sorta di termometro della salute della fauna urbana e utilizzati per proporre modifiche nella gestione del verde e della pianificazione urbanistica, poiché gli uccelli fungono da indicatori sulla qualità ambientale fornendo la fotografia dell'ambiente cittadino: l'atlante urbano può quindi divenire un importante strumento per le scelte di pianificazione cittadina, come la formazione di nuove aree verdi. La stagione riproduttiva è un periodo in cui le specie sono particolarmente legate al territorio e pertanto forniscono maggiori indicazioni di conservazione e gestione.

Per questo motivo l'associazione Verona Birdwatching ha lanciato l'idea di realizzare un atlante degli uccelli nidificanti a Verona proponendo ai propri soci e ai simpatizzanti un monitoraggio della durata di almeno tre anni a partire dal 2021. Come per ogni atlante di questo tipo, è prevista una raccolta di osservazioni registrando la specie, la stima degli individui, l'habitat urbano di incontro, la geolocalizzazione del dato. Essendo un censimento delle specie nidificanti, va anche considerata l'attività relativa alla riproduzione: il canto territoriale, la costruzione o l'osservazione diretta di un nido, la presenza di giovani incapaci di volare o appena involati, eccetera, elementi che forniscono gradi diversi di certezza dell'evento riproduttivo.

Area di studio

map Il Comune di Verona è quello raffigurato nella mappa qui a lato. Le zone a sud dell'autostrada serenissima e quelle collinari, poco attinenti ai fini di un atlante urbano, sono state escluse dalla ricerca (almeno per ora).

L'area di monitoraggio invece è quella maggiormente antropizzata del Comune di Verona, racchiusa a sud dall'autostrada A4, a est e a ovest dalle due tangenziali, a nord "più o meno" dalle pendici dell'area collinare.

Il reticolo cartografico è quello adottato come base per la maggior parte degli atlanti ornitologici europei, cioè la proiezione cartografica UTM (Universale Trasversa di Mercatore).

Sulla base di questo reticolo, all'interno del quale vengono inserite le singole rilevazioni, il territorio di studio è stato suddiviso in circa 130 unità geografiche di 1 km di lato che costituiscono le singole unità di rilevamento.

Le celle UTM interessate dalla ricerca sono pertanto quelle indicate nella mappa qui sotto.

map

map

Quando e come partecipare

A seconda delle specie il periodo di nidificazione cambia, ma quello più interessante va da marzo a luglio. Potete segnalare dati incidentali o passeggiando o cercando segni della presenza degli uccelli (visiva o acustica). Se volete dedicarvi a una o più particolari celle da 1 Km di lato fatecelo sapere, così da meglio suddividere lo sforzo di ricerca: è meglio programmare con i coordinatori su quale zona della città destinare le proprie attenzioni.

Ogni segnalazione è ben accetta, inviatela pure, grazie! Scrivete una email a
atlante@veronabirdwatching.org, ma se potete inserite i vostri dati su ornitho.it come suggerito qui sotto.

Se volete dedicarvi a una o più particolari celle da 1 Km di lato fatecelo sapere, così da meglio suddividere lo sforzo di ricerca, contattateci!