Atlante Ornitologico Urbano di Verona 2021-2023

Il 2021: aggiornamenti


atlante urbano Verona

Pubblicato da Verona Birdwatching su Martedì 11 maggio 2021
Pubblicato da Verona Birdwatching su Lunedì 10 maggio 2021

atlante urbano di Verona

Pubblicato da Verona Birdwatching su Sabato 8 maggio 2021

atlante urbano di Verona

Pubblicato da Verona Birdwatching su Sabato 8 maggio 2021

7 aprile 2021. Dall'inizio dei lavori sono state censite almeno 55 specie potenzialmente o certamente nidificanti. Le riproduzioni CERTE riguardano fino ad ora 21 specie.

I settori più ricchi, anche perché maggiormente frequentati, sono quelli centro settentrionali e quelli a sud est. Alcune celle periferiche sono state poco o per niente controllate anche perché chi si era offerto di controllarle è stato costretto a casa dalle nome di contenimento pandemia. Ma c'è tempo, e ora non siamo in zona rossa!!!

Aspettiamo informazioni da tutti, se avete dubbi allegate una foto o una registrazione audio.

Qui sotto la situazione al 7 aprile 2021.

map

Qui sotto la distribuzione del colombaccio nel 2021 fino ad ora e da dati raccolti nel periodo 2005-2009.

map map


21 marzo 2021. La primavera è iniziata. Fino ad oggi sono state censite come possibili, probabili e certe 48 specie nidificanti. Il 16% dei dati raccolti riguarda il merlo, mentre piccione di città, cornacchia grigia, gazza e cinciallegra contano ognuno per il 7% delle segnalazioni.

La specie più numerosa pare essere il piccione di città, poi storno, merlo, passera d'Italia, quindi colombaccio, cornacchia grigia, gazza, taccola, tortora dal collare e germano reale.

1 marzo 2021. Alcune specie sono già al lavoro, cioè impegnate a cantare o nella costruzione del nido: merlo, gazza, piccione di città, storno, allocco e codibugnolo. Sono stati trovati nidi di allocco e germano reale, codibugnoli e gazza in costruzione del nido.

map
foto di Matteo Dosso

1 febbraio 2021. Si comincia: poche le specie da censire per ora, solo l'airone cenerino, la gazza e pochi altri stanziali.

map
foto di Carla Chiappisi